οδός

il blog

dei liberi pensatori

Ogni tanto, negli ultimi anni, si sente parlare di qualche caso di pertosse, di rosolia o di qualche altra malattia infettiva. Ed è subito allarme! Esse sono denominate anche malattie “infantili” perché si prendono generalmente durante l'infanzia, e in particolare frequentando le scuole materne ed elementari, e non perché da adulti non si possano prendere ma perché danno di solito un'immunità permanente. Se però il contagio avviene in età adulta, esse si manifestano ordinariamente in forma alquanto grave perché non si possiedono gli anticorpi per combatterle.

 Si tratta di malattie da non sottovalutare perché qualcuna di esse può essere molto grave, come la difterite, io ricordo al mio paese gli anziani raccontare di bambini morti di “crup”, una delle complicazioni della difterite; altre, come la poliomielite, possono avere per conseguenza un'invalidità permanente. Di tutte queste malattie non si sentiva più parlare da tanto tempo grazie alle vaccinazioni ma, dopo che queste sono diventate facoltative, e pare siano addirittura cadute in disuso, la cronaca segnala qua e là la loro ricomparsa.

Una giovane mamma non può però avere come me i ricordi di tre generazioni: i miei da bambina, quelli inerenti i miei figli e quelli riguardanti i miei nipoti. Questi ultimi, che hanno dai 23 ai 27 anni, sono stati tutti vaccinati, quelli venuti poco dopo sembra di no. La memoria umana è quindi proprio assai breve. E allora, quando si mettono al mondo dei figli, bisogna studiare, informarsi, imparare tutto ciò che occore sapere per farli crescere innanzitutto in salute. Oggi la disinformazione e l'ignoranza, specie nei giovani, così esperti nell'informatica e sempre coi cellulari all'orecchio, non è né comprensibile né giustificabile, perché internet è una grande fonte di sapere.

Qual è dunque la soluzione del problema della ricomparsa delle malattie “infantili”?

Ma la vaccinazione obbligatoria, non ci possono essere dubbi, e in particolare per adire alla frequenza scolastica, perché se un genitore non ha cura della salute dei propri figli la società deve curare quella di tutti.

Carmen Palazzolo

leggi anche "Vaccinazioni: quando SI! Quando NO!"

 

 

Commenti  

0 #1 Pierluigi Sabatti 2017-11-01 18:36
Condivido in pieno l'articolo sulle vaccinazioni. E' necessario mobilitarsi perché una campagna in rete fatta da persone ignoranti, arroganti e irresponsabili mette in pericolo la salute di tutti. Umberto Eco poco prima di morire aveva detto che in rete legioni di imbecilli hanno lo stesso spazio dei premi Nobel. Sta avvenendo. E addirittura ci sono manifestazioni di piazza. Gli scienziati hanno totalmente smentito la "scoperta" del gastroenterologo inglese, pubblicata colpevolmente sulla rivista Lancet, che si è poi scusata , riguardo all'autismo. Questo dovrebbe bastare, tenendo conto che la scienza non è democratica, ma si basa su dati ed evidenze della ricerca.
Complimenti per avere il coraggio di pubblicare queste opinioni, perché vi troverete sicuramente messi alla berlina da qualche fanatico.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

chi cerca trova

cerca un articolo o una citazione usando una o più parole chiave.

newsletter

Comunicaci qui il Tuo indirizzo e-mail: Ti avviseremo dell'uscita di ogni novità su questo blog. Potrai comunque cancellare il Tuo nominativo in qualunque momento.

procedi

  • 1

Ti informiamo che questo sito utilizza dei cookies necessari al suo corretto funzionamento.  Con riferimento al provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie – 8 maggio 2014" (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), si descrivono in maniera specifica e analitica le caratteristiche e le finalità dei cookie installati su questo sito indicando anche le modalità per selezionare/deselezionare i singoli cookie.