οδός

il blog

dei liberi pensatori

Su mons. Antonio Angeli ben poco è stato scritto dopo la sua morte (1971, era nato nel 1894 a Pirano), e in quelle occasioni in cui si è scritto lo si è fatto in maniera occasionale senza alcun approfondimento. Anche (“La Voce di San Giorgio” 3,1971) e soprattutto “Vita Nuova” (8-10-1971) nel riportare intero l’elogio funebre del vescovo Santin nell’elencare la bibliografia resta incerta e incompleta.

Certo meritano più attenzione gli interventi in varie circostanze del periodico della comunità opitergina “Il Dialogo” compilati da suoi scolari, ammiratori e amici quali vibranti testimonianze di un discepolato che mons. Angeli aveva saputo farsi nei vent’anni trascorsi a Oderzo. Di Oderzo parla con pagine suggestive lo scrittore Ulderico Bernardi nella sua Città sul fiume (2003), lasciando un ritratto fisico e spirituale di un intellettuale ecclesiastico a tutto tondo:

Le figure più eminenti tra i profughi erano due preti. Monsignor Chiavalon e Monsignor Antonio Angeli. Erano stati parroci, in Istria. L’uno a Dignano, l’altro a Pola. Quest’ultimo, nativo di Pirano d’Istria, era un uomo di grande cultura, con la sensibilità di un poeta e la tensione mistica d’un vero religioso. Un intellettuale, che aveva compiuto i suoi studi e ottenuto le lauree in filosofia e in scienze sociali. Insegnerà a lungo nel Collegio della città che lo accolse, l’uno gestito da preti e l’altro da suore, entrambi vanto della nostra città di Oderzo. Anche all’aspetto si riconosceva lo svagato uomo di cultura. Sempre dietro ai suoi pensieri, e noncurante delle vanità. Al momento dell’esodo, Monsignor Angeli aveva poco più di cinquant’anni. La lunga veste nera non aveva nessuna ricercatezza, anzi, era lisa sul bordo delle tasche e lustra sulle spalle. Aveva capelli pepe e sale, folti, che spuntavano dal tricorno col batuffolo serico sul colmo. Ma più spesso era a capo scoperto, come gli facesse piacere che il vento giocasse a scompigliargli la riga, restituendogli l’aria da ragazzo. Sul volto scarno, un’ombra permanente di malinconia”.

Scarica l'articolo completo in formato pdf

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

chi cerca trova

cerca un articolo o una citazione usando una o più parole chiave.

newsletter

Comunicaci qui il Tuo indirizzo e-mail: Ti avviseremo dell'uscita di ogni novità su questo blog. Potrai comunque cancellare il Tuo nominativo in qualunque momento.

procedi

  • 1

Ti informiamo che questo sito utilizza dei cookies necessari al suo corretto funzionamento.  Con riferimento al provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie – 8 maggio 2014" (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), si descrivono in maniera specifica e analitica le caratteristiche e le finalità dei cookie installati su questo sito indicando anche le modalità per selezionare/deselezionare i singoli cookie.