οδός

il blog

dei liberi pensatori

A quanto è dato sapere, Giulio Regeni è morto sotto tortura... e la mia mente ha difficoltà a soffermarsi su ciò che devono essere stati i suoi ultimi giorni di vita e la sua fine. Più facile mi riesce immedesimarmi nei suoi genitori, pensare al loro strazio, e in particolare a quello di sua madre, che pure coraggiosamente lotta perché venga appurata la verità sul tragico evento.

A lei dobbiamo tutta la nostra solidarietà di persone.

 Ma questo brillante giovane studioso, cresciuto a Fiumicello (UD), era nato a Trieste, aveva completato gli studi della scuola superiore in un Collegio del Mondo Unito degli Stati Uniti d'America che, com'è noto, raccoglie ragazzi provenienti da tutto il mondo. Tutto il mondo deve dunque sostegno alla sua famiglia, ma glielo deve in particolare la regione Friuli Venezia Giulia, dove stanno le sue radici, e Trieste perché vi è nato.

Alla luce di tutto ciò non si può – a mio avviso – né capire né condividere la rimozione dalla facciata del palazzo del Comune della città lo striscione giallo di Amnesty International con la scritta: "LA VERITA' PER GIULIO REGENI"

La verità, che è giusto che la famiglia pretenda col sostegno delle istituzioni, anche ammesso che venga ottenuta, non riporterà in vita il giovane!
Il problema è infatti la tortura, che da sempre viene impiegata per ottenere delle informazioni. E non sembra possibile che anche oggi, pure i Governi. ritenuti e che si atteggiano a civilissimi, la tollerino e facciano finta di ignorarla.

Sono i Governi i responsabili delle morti come quella di Giulio Regeni.

Ma mi domando pure che persone sono questi torturatori, assassini impuniti, che si dedicano a queste pratiche.

Carmela Palazzolo

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

chi cerca trova

cerca un articolo o una citazione usando una o più parole chiave.

newsletter

Comunicaci qui il Tuo indirizzo e-mail: Ti avviseremo dell'uscita di ogni novità su questo blog. Potrai comunque cancellare il Tuo nominativo in qualunque momento.

procedi

  • 1

Ti informiamo che questo sito utilizza dei cookies necessari al suo corretto funzionamento.  Con riferimento al provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie – 8 maggio 2014" (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), si descrivono in maniera specifica e analitica le caratteristiche e le finalità dei cookie installati su questo sito indicando anche le modalità per selezionare/deselezionare i singoli cookie.